: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
0163 852011        

: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00    I    0163 852011        

 x 
Carrello - € 0,00

  • Carrello vuoto
Martedì, 23 Ottobre 2018 14:47

FIORI AUTUNNALI: LE ERICHE

Le Eriche sono piante autunnali per eccellenza, grazie alla loro fioritura settembrina che dura per tutto l’inverno e la loro incredibile resistenza al freddo. Non è difficile in questa stagione vedere questa piante in terrazze, aiuole e giardini, o utilizzate come complemento d’arredo in appartamento. I fiorellini bianchi, rosa, viola, bronzo ma anche bicolori permangono sulle Eriche fino in primavera, a patto che ricevano molto sole durante l’autunno.

In natura le Eriche prosperano nelle brughiere: il loro processo vitale favorisce la formazione di torba, usata per produrre i terricci. Sono anche considerate piante indicatrici della vitalità del suolo, in quanto sono tra le prime a popolare i terreni dopo un incendio boschivo.

L’Erica è una pianta a bassa manutenzione, che necessita di molta luce ma non resiste al sole diretto, prediligendo posizioni riparate. Teme il caldo torrido e l’aria asciutta, mentre ama il fresco ma non sopravvive a temperature inferiori a 0°C.

ERICHE: SCOPRIAMO LE PIU’ DIFFUSE

L’Erica Calluna vulgaris, l’Erica darleyensis e l’Erica gracilis sono tra le più diffuse, incrociate e ibridate fra loro per migliorare la quantità e il colore dei fiori fittamente disposti sui rametti.

Se interrate in piena terra necessitano di una distanza di impianto di almeno 30 cm l’una dall’altra e di un terriccio per acidofile, con uno strato drenante sul fondo del contenitore se coltivate in vaso. Il terriccio deve essere sempre umido ma non fradicio; si può appoggiare il vaso su uno strato di ghiaia o biglie di argilla inumidita.

Va innaffiata 2 o 3 volte a settimana, preferibilmente con acqua piovana o decalcificata perché mal sopporta l’acqua calcarea e ricca di cloro delle normali reti idriche domestiche. Se la pianta non viene innaffiata si secca, ma conserva il suo aspetto decorativo e può essere comunque tenuta in vaso per arredare il terrazzo o in appartamento.

L’Erica è una pianta perenne trattata come stagionale; se si desidera tentare di farla durare da un anno all’altro, va rinvasata in primavera in un contenitore di plastica per trattenere bene l’umidità. Dopo la fioritura, è consigliabile tagliare i rami a metà della loro lunghezza e posizionare i vasi in ombra fresca, umida e luminosa.

Per quanto riguarda la concimazione non ha bisogno di molto nutrimento: è sufficiente fornire un fertilizzante liquido per piante acidofile, ogni 15 giorni all’acqua di irrigazione.

ERICA CALLUNA V.16 bicolore

01000214A001

Dettagli Prodotto

€ 3,95


Compo Sana Terriccio per Azalee e Rododendri 20 litri

09000964A001

Dettagli Prodotto

€ 5,50


ALTEA AZALEE LIQ.1000GR

33002538A001

Dettagli Prodotto

€ 7,45


Published in Green e flower

La Viola del pensiero, di cui esistono numerosi ibridi solitamente utilizzati come stagionali, appartiene alla famiglia delle Violaceae ed è molto diffusa in Europa, ai Tropici e nelle Ande. Simbolo d’amore profondo, è molto apprezzata per le sue sfumature di colore, che variano dal lilla al porpora-nero.

COME COLTIVARE LA VIOLA DEL PENSIERO:

Si puó coltivare sia in vaso, sia in piena terra o in ciotole miste con altre piante stagionali; l’ideale è piantare questo fiore a settembre-ottobre o febbraio-marzo. Fiorisce in autunno fino all’inizio della primavera in zone a mezz’ombra, ombra piena o leggermente soleggiate. Se le Viole sono ancora fiorite in maggio dall’autunno precedente, occorre trasferirle in un angolo ombreggiato e fresco per aiutarle a superare il caldo estivo.

Il rinvaso della pianta deve essere fatto subito dopo l'acquisto, utilizzando vasi di piccole dimensioni, in quanto l’apparato radicale della pianta non si sviluppa molto in profondità, e un terriccio specifico per piante da fiore.

La Viola resiste anche a temperature basse e ama il freddo, quindi ha una facile ripresa anche dopo le nevicate.

Il terriccio deve sempre essere mantenuto appena umido, senza esagerare con le irrigazioni per non favorire i ristagni idrici.

E' consigliabile fornire alla pianta ogni 15-20 giorni un concime liquido per piante fiorite, durante il periodo di fioritura, specialmente per gli esemplari coltivati in vaso, che hanno risorse energetiche limitate al piccolo pane di terra contenuto nel vaso.

Questi fiori, se coltivati con metodi bio, possono essere consumati in insalate e dolci.

Compo Concime Piante Fiorite 500ml con Guano

06003401A001

Dettagli Prodotto

€ 5,90


 

Compo Sana Terriccio per Piante Fiorite 20 litri

09000681A001

Dettagli Prodotto

€ 6,90


 

Compo Concime per Piante da Balcone 400 gr

06006747A001

Dettagli Prodotto

€ 6,60


 

Published in Green e flower

Garden Zanet

Azienda Agricola "FLOROVIVAISTICA"
F.lli ZANET di Zanet Enzo

P.Iva 01648660031
Reg. Imp. No 1252/98

Via Valsesia n°8 28077 Prato Sesia (NO)
T 0163.85.20.11
F 0163.85.29.42

Orari

Orari di Apertura
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
Tutti i giorni, festivi compresi

Mesi di luglio e agosto, domenica 
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 

Giorni di Chiusura
Pasqua - Ferragosto - Natale - S.Stefano - 1° gennaio

 x 
Carrello - € 0,00

  • Carrello vuoto