: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
0163 852011 whats  351 6701214      

: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00    I    0163 852011    I  whats  351 6701214      

 x 
Carrello - € 0,00

  • Carrello vuoto

La stagione invernale è il momento in cui la maggior parte delle piante è in riposo vegetativo, proprio per questo è il periodo adatto per potarle. La potatura è utile soprattutto alle piante da frutto – come melo, pero, susino e albicocco – perché li aiuta a produrre molti frutti di giuste dimensioni.

LA POTATURA

Un albero con troppi rami tenderà a produrre molti frutti piccoli: per questo motivo è importante sia accorciare i rami troppo lunghi – soprattutto quelli che crescono verticalmente – sia eliminare i rami in eccedenza, che quelli secchi o morti.

Alla fine si lascerà sulla pianta un numero bilanciato di rami in buona salute e che godono di una giusta esposizione, eliminando circa un terzo dei rami secondari e donando alla pianta una struttura bassa e ordinata.

Si consiglia anche di asportare i rami che crescono all’interno della chioma, e se vi sono ramificazioni che si incrociano o si sfregano, occorre asportarne una. I tagli vanno effettuati appena sopra una gemma rivolta verso l’esterno della pianta. Le gemme che sono verticali andranno invece eliminate.

Guardando la forma delle gemme è anche possibile capire se il ramo sarà “da legno” o “da frutto”.

GLI ATTREZZI

E’ molto importante munirsi degli strumenti da pota adatti, affilati e disinfettati, meglio se in acciaio inossidabile. Se gli attrezzi non sono affilati, possono sfilacciare i rami, causando possibili marciumi e attacchi dei parassiti, mettendo a rischio la salute della pianta.

In commercio esistono numerosi attrezzi da taglio, ognuno concepito per svolgere una funzione specifica: le cesoie per i rami più semplici, gli svettatoi per potare in altezza e i troncarami per i rami più grandi.

Possiamo anche dividere gli attrezzi in base alla forma della lama.

Le forbici “a battente” o “a incudine” sono composte da una lama che termina la sua azione di taglio su un’”incudine” non tagliente posta nella parte inferiore. La lama superiore effettua il taglio, mentre l’incudine inferiore distribuisce la pressione e sostiene il ramo. E’ un sistema di taglio molto potente, ideale per rami secchi e duri.

Le forbici “a passante” o “by pass” sono invece composte, come le comuni forbici, da una lama che sfiora e oltrepassa una controlama, penetrando nel ramo contemporaneamente. Questo sistema di taglio è più preciso e viene preferito per potature di legno giovane e fresco.

Published in Garden Blog
Venerdì, 16 Novembre 2018 15:43

COME TRAPIANTARE GLI ALBERI DA FRUTTO

Le giornate assolate di novembre sono perfette per dedicarsi al giardinaggio, in cortile o sul balcone. Questo periodo, infatti, è il momento ideale per trapiantare dei piccoli alberi da frutto, da coltivare in vista dell’anno prossimo. Alberi già con le radici, si possono trovare nei garden center all’interno di contenitori di plastica o con le radici e il terriccio avvolti in una copertura di juta. Piantare un albero già provvisto di radici è notevolmente più semplice che crescerlo da zero, interrando i semi, e vi permetterà di vedere i frutti spuntare sulla pianta già dopo pochi anni.

 

TRAPIANTARE GLI ALBERI DA FRUTTO

Prima dell’acquisto, è molto importante verificare la salute della pianta osservando lo stato dei rami e delle radici, che non devono essere troppo numerose e attorcigliate. Una volta scelto l’esemplare migliore si deve procedere al trapianto in terra o al travaso in un contenitore più grande, con aggiunta di terriccio fertile. Gli alberi giovani hanno bisogno anche di un tutore, da interrare vicino al tronco dell’albero, al fine di sostenerlo nella crescita per almeno 2-3 anni.

Tra i tanti alberi che possiamo scegliere c’è sicuramente il Susino, facile da mantenere e molto prolifico.

Anche il Fico è un albero molto bello e resistente, adatto a tutti i climi e terreni, dalla sabbia, al terriccio, ai composti più calcarei.Tutti gli alberi appena piantati, necessitano di frequenti irrigazioni, ma nel caso del Fico bisogna fare molta attenzione ai ristagni idrici, assicurandosi sempre che il terreno sia ben drenato. Appena acquistate, queste piante vanno posizionate all’ombra, al riparo dal vento e dalle intemperie, per evitare danni ai rami.

Una pianta adatta a climi più miti è il Kako, un maestoso albero dai frutti gustosissimi, da consumare proprio in questa stagione. Il Kako soffre i ristagni idrici e le gelate, e necessita di terreno leggero e fertile, ma a differenza dei primi due alberelli predilige posizioni soleggiate.

Published in Tecnica e cura

Garden Zanet

Azienda Agricola "FLOROVIVAISTICA"
F.lli ZANET di Zanet Enzo

P.Iva 01648660031
Reg. Imp. No 1252/98

Via Valsesia n°8 28077 Prato Sesia (NO)
T 0163.85.20.11
F 0163.85.29.42

Orari

Orari di Apertura
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
Tutti i giorni, festivi compresi

Mesi di luglio e agosto, domenica 
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 

Giorni di Chiusura
Pasqua - Ferragosto - Natale - S.Stefano - 1° gennaio

 x 
Carrello - € 0,00

  • Carrello vuoto