: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
0163 852011        

: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00    I    0163 852011        

 x 
Carrello - 0,00 €

  • Carrello vuoto
Venerdì, 15 Febbraio 2019 13:07

LA CALCIOCIANAMIDE NITRATA: L’ORTO A FEBBRAIO

La Calciocianamide Nitrata è un ottimo fertilizzante, che viene utilizzato nei mesi invernali per la preparazione del terreno alla successiva semina: con la fine delle gelate il terreno diventa più malleabile e quindi più facile da lavorare. Infatti, prima della semina o del trapianto delle colture, occorrerà effettuare un’accurata vangatura: frantumando le zolle arieggeremo il terreno, lo renderemo più permeabile ed elimineremo i residui delle precedenti colture, sassi ed erbacce.

LA CALCIOCIANAMIDE NITRATA

Dopo questa operazione, andremo ad irrigare il terreno e subito dopo a distribuire in modo uniforme la Calciocianamide Nitrata,  un concime che migliora la fertilità naturale del terreno e manifesta anche un’azione polivalente contro funghi e insetti parassiti.Il terreno umido e il periodo di attesa (15-20 giorni) tra la stesura della Calciocianamide Nitrata e la semina sono due fattori essenziali per dargli il tempo necessario per trasformarsi in azoto a lenta cessione disponibile alla coltura.Successivamente, se il clima sarà sufficientemente mite, potremo iniziare la semina di alcune colture, in particolare si consigliano le crucifere, i legumi, le piante aromatiche, le carote.In zone con temperature più basse occorrerà proteggere i germogli dalle gelate e mantenere il terreno umido e sufficientemente caldo utilizzando del tessuto non tessuto oppure una serra tunnel.Se il gelo si fa ancora sentire, si consiglia di non esagerare con le annaffiature nei primi giorni, ma di aspettare di vedere uscire dal terreno i primi germogli.

Altea Calciocianamide 5 kg

35008651A001

Dettagli Prodotto

11,90 €


Altea Tablet micorrize 25 pastiglie (BIO)

35008682A001

Dettagli Prodotto

7,75 €


TERRA UNIVERSALE 20 L.

09000025A001

Dettagli Prodotto

4,90 €


Published in Green e flower
Mercoledì, 30 Gennaio 2019 16:59

COME COLTIVARE LA SUNSATIA

La Sunsatia è una nuova varietà di Nemesia prodotta da Proven Winners, una pianta originaria dell’Africa e dell’Europa meridionale, particolarmente resistente alle temperature alte e basse. La pianta è caratterizzata da fusti erbacei ramificati e da grossi fiori simili alle Bocca di Leone, molto profumati.

La fioritura è davvero ricca, e vanta tantissimi colori, come il rosso, l’arancione, il bianco, il lilla e il giallo. Poiché la Sunsatia sopravvive anche a temperature leggermente sotto lo zero, è adatta a essere interrata insieme a Viole e Primule, per creare eleganti composizioni primaverili. È un arbusto dal portamento tappezzante o ricadente, ideale da posizionare in balconette e basket, o come bordura in giardino.

video sunsatia

LA SUNSATIA: FIORI DA MARZO A NOVEMBRE

La Sunsatia si può interrare già verso febbraio e fiorisce da marzo fino a luglio senza pause. La particolarità di questa pianta è sicuramente la fioritura, molto abbondante e duratura, ricca di colori vivaci. È anche facile da coltivare, molto resistente e non richiede particolari cure.

La Sunsatia è una pianta da esterni e necessita della luce diretta del sole per crescere e produrre i suoi fiori. L’apporto d’acqua deve essere regolare per tutta la stagione vegetativa, facendo attenzione a non inzuppare troppo il terreno. Il substrato deve rimanere sempre umido, soprattutto d’estate, ma senza ristagni idrici.

Le piante di Sunsatia sono spesso annuali, quindi non necessiteranno di ulteriori rinvasi. Dopo l’acquisto è consigliabile travasarla in un contenitore più ampio, di circa 30 cm, insieme a del terriccio universale. Il substrato ideale deve essere fertile e ben drenato, con l’aggiunta di argilla e un’alta percentuale di torba bionda. Il concime è molto importante, e deve essere somministrato alla pianta settimanalmente e per tutto il periodo della fioritura.

Published in Green e flower
Venerdì, 18 Gennaio 2019 14:15

PIANTE AROMATICHE: COME CURARLE IN INVERNO

Coltivare le proprie piante aromatiche è facile e davvero utile. Basta qualche vaso e un po’ di spazio sul balcone per avere una scorta di odori freschi, sempre a portata di mano. Gli aromi non servono solo a insaporire le pietanze, ma arredano anche giardini e terrazzi grazie ai loro bellissimi fiori colorati e alle foglie sempreverdi.

Le piante aromatiche sono molto resistenti e nelle condizioni ottimali possono durare anche per anni. Inoltre si adattano bene al clima mite del nostro paese, a eccezione del basilico che non sopravvive a temperature inferiori ai 10 gradi.

Alloromaggioranamenta rosmarino, sopportano anche le basse temperature e crescono tranquillamente all’aperto. È probabile che le foglie secchino durante l’inverno, ma questo non deve allarmarci; le radici rimangono vive e continuano a nutrirsi anche durante questa stagione. In primavera, dopo che avremo spuntato i rami secchi, queste piante torneranno rinvigorite e si riempiranno di nuova vegetazione.

Alcune piante aromatiche come la salvia, il timo, l’origano e il peperoncino temono le gelate invernali e preferiscono essere poste al riparo, all’interno di una serra. Le piante che crescono in piena terra per resistere al freddo prediligono posizioni riparate, meglio se contro un muro o in una zona soleggiata. Molto importante è la composizione del substrato, che deve essere ricco di ghiaia e molto ben drenato per evitare che l’acqua stagni e congeli nel terreno.

Nelle regioni più fredde, può essere utile anche creare uno strato di pacciamatura, coprendo il terreno con della corteccia, al fine di tenerlo al caldo e proteggerlo dal gelo e dalle piogge eccessive. Per evitare i temuti ristagni, durante la stagione invernale bisogna innaffiare solo di rado, quando le giornate sono soleggiate.

Può essere utile, durante questa fase di riposo vegetativo, somministrare un fertilizzante che incrementi l’attività metabolica della pianta, aiutandola a resistere anche agli inverni più rigidi. Sopratutto le piante in vaso, hanno bisogno di fertilizzanti ricchi di aminoacidi, vitamine e sostanze umiche che aiutano la pianta a resistere meglio alle malattie e alle avversità climatiche. Trattandosi di piante destinate all’alimentazione, meglio scegliere un concime organico, utilizzabile in agricoltura biologica.

ALTEA ATTIVA 300ML

33002828A001

Dettagli Prodotto

10,50 €


Compo Bio Concime per Piante Aromatiche 500 ml

35009368A001

Dettagli Prodotto

6,14 €


Compo Bio Terriccio Orto Semina 20 litri

37007126A001

Dettagli Prodotto

5,50 €


Published in Green e flower
Martedì, 08 Gennaio 2019 11:29

COLTIVARE L’ORTO A GENNAIO

L’inverno è la stagione perfetta per eseguire piccoli lavori di manutenzione all’interno dell’orto. Sembra un periodo di riposo forzato a causa delle giornate brevi e del freddo insistente, invece il nostro orto continua a vivere anche durante questa stagione. A gennaio per esempio, si può preparare il terreno per la semina, estirpare le vecchie piante e pianificare le coltivazioni in vista del nuovo anno.

PREPARAZIONE DEL TERRENO

La prima operazione da compiere per preparare l’orto è la vangatura. Con la vanga si frantumano le zolle di terra presenti in superficie e si rimescola il substrato per renderlo più permeabile e arieggiato. La vanga deve penetrare almeno 20-30 cm in profondità nel terreno, al fine di estirpare tutte le radici, i sassi e i residui delle colture precedenti. Una volta che il terreno sarà ripulito è il momento di distribuire dello stallatico o del concime specifico, come per esempio il Calciocianamide Nitrato. Questo fertilizzante è particolarmente indicato per concimare l’orto perchè ricco di calcio, che agisce come correttivo sui terreni acidi rendendoli neutri e più fertili. Il Calciocianamide riduce anche il problema delle lumache, controlla le infestanti e agisce nel terreno contro gli agenti responsabili delle malattie delle piante. Il letame invece è ricco di Azoto ed è un concime a lenta cessione, che continua a nutrite il terreno per settimane.

COSA SEMINARE A GENNAIO

Dopo 2-3 settimane dalla distribuzione del concime possiamo iniziare a seminare qualche ortaggio tipico della stagione invernale come cavoli, cipolle, ravanelli e valeriana. Se viviamo in zone più miti possiamo anche coltivare spinaci, bietole, radicchio, fave e piselli.

Le sementi vanno disposte in file e ricoperti da pochi centimetri di terra; molto importante durante la fase della semina è non eccedere con l’acqua, per non rischiare di gelare il terreno. L’orto andrebbe irrigato solo durante il giorno quando il sole è caldo e mai in dosi eccessive. Chi vive in zone dove la temperatura scende sotto lo zero, può proteggere il proprio orto con una piccola serra a tunnel. Se invece le gelate sono solo un avvenimento sporadico basterà munirsi di un tessuto non tessuto, da posizionare sopra il terreno per difenderlo dalla brina.

Queste semplici soluzioni basteranno a tenere al caldo i semi durante la delicata fase di germinazione, senza ricorrere a serre riscaldate o semenzai.

 

Altea Calciocianamide 5 kg

35008651A001

Dettagli Prodotto

11,90 €


ALTEA POLLINA KG 5

35008576A001

Dettagli Prodotto

6,90 €


Concime BIO orto e giardino 5 kg Solabiol

35009894A001

Dettagli Prodotto

14,90 €


Published in Tecnica e cura

L’Euphorbia pulcherrima è più comunemente conosciuta come Stella di Natale. Ma è nota con il nome di Poinsettia a causa di un errore: gli esperti non accorsero che fosse una Euphorbia quando fecero la sua prima catalogazione botanica.

La Stella di Natale è una pianta d’appartamento molto diffusa, soprattutto durante le feste invernali, reperibile in molti colori e screziature diverse. Simbolo natalizio per eccellenza, resiste all’aperto solo in zone dagli inverni moto miti, dove diventa un piccolo arbusto. I fiori sono in realtà foglie colorate dette brattee, mentre i fiori veri e propri sono piccoli e spuntano al centro delle foglie in inverno.

 

STELLA DI NATALE: COME COLTIVARLA TUTTO L’ANNO

La Stella di Natale va coltivata in casa in zone luminose e fresche, a una temperatura compresa tra 15° e 20° C, lontana da termosifoni o correnti d’aria. Durante l’inverno, servono almeno 14 ore giornaliere di buio e 10 di luce intensa per almeno 30 giorni consecutivi per ottenere la rinascita delle brattee colorate.

Le innaffiature devono essere frequenti, lasciando asciugare il terreno tra un’irrigazione e l’altra; teme i ristagni idrici, per questo motivo bisogna evitare di lasciare l’acqua per molto tempo nel sottovaso. Le brattee colorate durano a lungo sulla pianta ma possono cadere e seccarsi se l’ambiente è troppo secco o se la pianta è esposta ai raggi diretti del sole.

Ḕ consigliabile fornire del concime specifico per Stelle di Natale o per piante da fiore, ogni 15 giorni durante il periodo di ripresa vegetativa. Quando le brattee cadono, occorre accorciare gli steli ed effettuare il rinvaso con terriccio universale concimato con un prodotto per piante verd: dopo poco nasceranno le nuove foglie verdi. Il lattice bianco che esce dagli steli recisi può risultare irritante per la pelle, perciò al momento di accorciare gli steli, conviene indossare guanti protettivi.

STELLA DI NATALE ciotola cm.17

QR000179

Dettagli Prodotto

8,90 €


STELLA DI NATALE V.19

QR000179

Dettagli Prodotto

14,90 €


Compo Sana Terriccio per Piante Fiorite 20 litri

09000681A001

Dettagli Prodotto

6,20 €


Published in Green e flower
Mercoledì, 14 Novembre 2018 11:00

ACERI: DIAMO COLORE ALL’AUTUNNO

Dietro il nome Aceri si celano tutti gli alberi e gli arbusti del genere Acer, che suscitano sempre ammirazione e stupore grazie della bellezza delle foglie colorate e alla loro imponenza. Alcune specie, come l’Acer griseum, hanno una magnifica corteccia che si sfoglia e in autunno la loro chioma si colora di giallo, arancione e rosso. Altri esemplari, come l’Acer palmatum, sono di dimensioni più ridotte e possono essere coltivati anche in vaso.

 

ACERI: CONSIGLI PER LA COLTIVAZIONE 

Caratterizzati da una crescita lenta, questi alberi raggiungono un’altezza massima di 6 metri e sono ideali da coltivare in piccoli giardini o in terrazzo. I soggetti giovani hanno un aspetto arbustivo, ma con il tempo si trasformano in magnifici esemplari dal fogliame denso e dal tronco corto. A seconda delle varietà possono avere foglie porpora, verdi con il bordo rosso o tricolore, che si tramutano in rosso accesso in autunno.Caratterizzati da una crescita lenta, questi alberi raggiungono un’altezza massima di 6 metri e sono ideali da coltivare in piccoli giardini o in terrazzo. I soggetti giovani hanno un aspetto arbustivo, ma con il tempo si trasformano in magnifici esemplari dal fogliame denso e dal tronco corto. A seconda delle varietà possono avere foglie porpora, verdi con il bordo rosso o tricolore, che si tramutano in rosso accesso in autunno.Tutti gli Aceri amano un terreno acido e ben drenato, anche se tollerano composti leggermente calcarei. La posizione ideale è al sole o a mezz’ombra, al riparo dal vento che può rovinare le giovani foglie.L’intensità di colore delle foglie dipende dalla quantità di luce solare che questi alberi ricevono durante la stagione autunnale, è perciò importante non piantare gli Aceri in zone troppo ombrose. Sono piante che resistono bene al freddo, fino a -10° C, mentre non amano climi troppo secchi; gli Aceri infatti necessitano di molta acqua, soprattutto in estate e di un terreno sempre umido. Sono piante molto sensibili ai ristagni idrici, per questo motivo è necessario fornire un buon drenaggio, effettuando una pacciamatura con paglia, oppure nel caso della coltivazione in vaso disponendo uno strato di palline di argilla sul fondo del contenitore.

Inoltre, in primavera e in autunno, è consigliabile concimare con un fertilizzante per piante acidofile, per aiutare la pianta a crescere sana e rigogliosa.

Gesal Concime Acidofile 1 litro

35009191A001

Dettagli Prodotto

5,65 €


ALTEA IDRO ACIDOFILE 100 GR

33002439A001

Dettagli Prodotto

5,00 €


ARGILLA L.10

09000261A001

Dettagli Prodotto

5,70 €


Published in Green e flower
Martedì, 23 Ottobre 2018 14:47

FIORI AUTUNNALI: LE ERICHE

Le Eriche sono piante autunnali per eccellenza, grazie alla loro fioritura settembrina che dura per tutto l’inverno e la loro incredibile resistenza al freddo. Non è difficile in questa stagione vedere questa piante in terrazze, aiuole e giardini, o utilizzate come complemento d’arredo in appartamento. I fiorellini bianchi, rosa, viola, bronzo ma anche bicolori permangono sulle Eriche fino in primavera, a patto che ricevano molto sole durante l’autunno.

In natura le Eriche prosperano nelle brughiere: il loro processo vitale favorisce la formazione di torba, usata per produrre i terricci. Sono anche considerate piante indicatrici della vitalità del suolo, in quanto sono tra le prime a popolare i terreni dopo un incendio boschivo.

L’Erica è una pianta a bassa manutenzione, che necessita di molta luce ma non resiste al sole diretto, prediligendo posizioni riparate. Teme il caldo torrido e l’aria asciutta, mentre ama il fresco ma non sopravvive a temperature inferiori a 0°C.

ERICHE: SCOPRIAMO LE PIU’ DIFFUSE

L’Erica Calluna vulgaris, l’Erica darleyensis e l’Erica gracilis sono tra le più diffuse, incrociate e ibridate fra loro per migliorare la quantità e il colore dei fiori fittamente disposti sui rametti.

Se interrate in piena terra necessitano di una distanza di impianto di almeno 30 cm l’una dall’altra e di un terriccio per acidofile, con uno strato drenante sul fondo del contenitore se coltivate in vaso. Il terriccio deve essere sempre umido ma non fradicio; si può appoggiare il vaso su uno strato di ghiaia o biglie di argilla inumidita.

Va innaffiata 2 o 3 volte a settimana, preferibilmente con acqua piovana o decalcificata perché mal sopporta l’acqua calcarea e ricca di cloro delle normali reti idriche domestiche. Se la pianta non viene innaffiata si secca, ma conserva il suo aspetto decorativo e può essere comunque tenuta in vaso per arredare il terrazzo o in appartamento.

L’Erica è una pianta perenne trattata come stagionale; se si desidera tentare di farla durare da un anno all’altro, va rinvasata in primavera in un contenitore di plastica per trattenere bene l’umidità. Dopo la fioritura, è consigliabile tagliare i rami a metà della loro lunghezza e posizionare i vasi in ombra fresca, umida e luminosa.

Per quanto riguarda la concimazione non ha bisogno di molto nutrimento: è sufficiente fornire un fertilizzante liquido per piante acidofile, ogni 15 giorni all’acqua di irrigazione.

ERICA CALLUNA V.16 bicolore

01000214A001

Dettagli Prodotto

3,95 €


Compo Sana Terriccio per Azalee e Rododendri 20 litri

09000964A001

Dettagli Prodotto

6,20 €


ALTEA AZALEE LIQ.1000GR

33002538A001

Dettagli Prodotto

7,45 €


Published in Green e flower
Giovedì, 11 Ottobre 2018 14:27

E’ TEMPO DI FRUTTI E BACCHE AUTUNNALI

In autunno tutte le nostre piante da fiore e da frutto riposano in serra, mentre splendidi cespugli rustici si apprestano a conquistare la scena:  in questo periodo infatti è tempo di frutti e bacche autunnali!

È il caso di piante come l’Ilex, la Nandina e la Pyracantha ma anche di piccoli alberi sempreverdi come gli Abeti, adatti a resistere anche alle temperature più rigide.

L’Ilex verticillata, meglio noto anche Agrifoglio, è una pianta decidua piuttosto comune, che produce numerose bacche rosso acceso. In inverno questa pianta perde le foglie, ma produce moltissimi frutti, che ricoprono i rami e permangono sulla pianta fino ai primi caldi. L’Ilex ha rami resistenti che raggiungono i due metri di altezza e che vengono tradizionalmente recisi nel periodo natalizio per decorare la casa.

Come l’Ilex, anche la Nandina in novembre si riempie di piccoli frutti rossi, mentre a luglio produce grandi pannocchie di fiori bianchi. Questa siepe dalla forma arrotondata, misura circa 150 cm ed è dotata di bellissime foglie decorative verdi che in inverno diventano rosso-arancio.

nandina         pyracantha

Entrambe le piante prediligono posizioni soleggiata e non richiedono particolari cure, se non qualche sporadica irrigazione quando il terreno è asciutto.

Un’altra pianta che regala un tocco di colore al giardino invernale è la Pyracantha, un arbusto sempreverde a portamento eretto o globoso, caratterizzato da lunghi rami pieni di spine e utilizzato spesso per costruire siepi.

La particolarità di questa pianta sono i piccoli fiori bianchi e profumati, che spuntano in primavera, e in seguito in autunno lasciano spazio a grappoli di piccole bacche rosse e arancioni. Questa pianta come le altre, è molto resistente e estremamente decorativa, grazie alla vegetazione abbondante e alle sue bacche colorate.

ILEX CRENATA V.18 h 50

QR043077

Dettagli Prodotto

10,40 €


NANDINA DOMESTICA v.18

QR001920

Dettagli Prodotto

7,90 €


Altea Conifere 1,5 kg BIO

35009115A001

Dettagli Prodotto

8,20 €


Published in Green e flower
Giovedì, 04 Ottobre 2018 15:08

COME COLTIVARE I CRISANTEMI

Sono piante di rara bellezza ed è facile coltivare i Crisantemi. Colorano giardini e terrazzi tra settembre e dicembre con magnifici fiori gialli, bianchi, rosa, porpora e cremisi. Esistono moltissime varietà, a fiore grande o piccolo, sferico, a pompon, a forma di anemone o stellato; ci sono poi i Crisantemi coreani, ideali in vaso, la cui fitta produzione di boccioli copre la vegetazione.

Tradizionalmente i Crisantemi vengono associati al ricordo dei defunti, ma in realtà il loro nome deriva dal greco e significa “fiore d’oro” ed è associato a valenze positive: in Giappone, per esempio, veniva offerto agli dei e si riteneva avesse il potere di allungare la vita.

COLTIVARE I CRISTANTEMI: PIANTE A BASSA MANUTENZIONE

Questa pianta è facilmente coltivabile in vaso sul terrazzo, in piena terra in giardino e può essere utilizzata per bordure, aiuole o come fiore reciso. La posizione ideale è in esterni in una zona soleggiata o a mezz’ombra, fresca e riparata. La collocazione ideale è al sole, in posizione riparata, a 15-16°C: sotto i 3°C la fioritura si ferma. Il Crisantemo ha una lunga fioritura nei mesi freddi. quando le giornate si accorciano, con meno di 14 ore di luce.

Anche se il Crisantemo è a bassa manutenzione esige innaffiature regolari soprattutto quando è in fiore e teme molto i ristagni idrici, che provocano marciumi: perciò è importate innaffiare solo quando il terriccio si è asciugato completamente. Molto importante è evitare di bagnare le foglie, per non favorire l’insorgere di malattie fungine come la ruggine, che colpiscono molto spesso questa pianta.

Per il substrato, scegliere un terriccio per piante fiorite, avendo cura – per la coltivazione in vaso – di aggiungere del materiale drenante sul fondo.

Le specie annuali durano una stagione mentre le perenni si rinvasano alla ripresa vegetativa.

È consigliabile concimare regolarmente da giugno a fine novembre con un fertilizzante liquido per piante fiorite.

Il Crisantemo deve essere potato: a fine autunno o in primavera si possono spuntare i rami per ottenere una pianta più compatta. Asportando i boccioli laterali, l’infiorescenza centrale diventa più grossa ma si ottengono meno fiori.

Compo Concime Piante Fiorite 500ml con Guano

06003401A001

Dettagli Prodotto

5,72 €


Compo Sana Terriccio per Piante Fiorite 20 litri

09000681A001

Dettagli Prodotto

6,20 €


Forbice Standard By-Pass per Potare

41002490A001

Dettagli Prodotto

9,50 €


Published in Green e flower
Mercoledì, 26 Settembre 2018 12:24

IL BALCONE IN AUTUNNO E IN INVERNO

Il balcone in autunno e nei mesi freddi spesso rimane vuoto, provo di interesse. Esistono però piante che possono rallegrare e profumare la nostra abitazione grazie a fiori, bacche e fogliame.

Alcuni arbusti a fioritura invernale, coltivabili in vaso senza difficoltà, offrono l’inatteso piacere del profumo. Per esempio il Calicanto e l’Amamelide, da coltivare al sole o mezz’ombra, oppure i decorativi Gelsomini invernali a fiore giallo, la Lentaggine, il Ligustro e la Nandina, dalle belle foglie e bacche decorative.

balcone-in-autunno-amamelide balcone-in-autunno-ligustro balcone-in-autunno-nandina
Amamelide Ligustro Nandina

Le Conifere nane sono un’ottima scelta per le composizioni in vaso; portano vitalità e non temono il gelo, mentre le più grandi sono utili come schermi frangivento e per proteggere la privacy.

IL BALCONE IN AUTUNNO: LARGO AI COLORI

Questa è la stagione adatta delle Camelie, che spesso fioriscono già a gennaio-febbraio, se il terrazzo è soleggiato e ben protetto. Alle specie primaverili, come la Camellia japonica, si possono unire anche la Camelia sasanqua, in fiore tra l’autunno e l’inverno e dal particolare profumo.

balcone-in-autunno-camellia-japonica balcone-in-autunno-camelia-sasanqua balcone-in-autunno-agrifoglio
Camellia-japonica Camelia-sasanqua Agrifoglio

I protagonisti dei mesi freddi sono i Crochi viola, i timidi Bucaneve e l’elegante Agrifoglio. Da gennaio fino a aprile cominciano a sbocciare i magnifici Ellebori, in vasi grandi, le Bergenie, belle per il fogliame sempreverde e le corolle rosa, le instancabili Viole del pensieroche spesso rimangono in fiore ininterrottamente, dall’autunno a inizio estate, i Narcisi e i Giacinti.

balcone-in-autunno-elleboro balcone-in-autunno-narcisi balcone-in-autunno-giacinti
Elleboro Narciso Giacinto

 

Compo Concime per Piante da Balcone 400 gr

06006747A001

Dettagli Prodotto

6,45 €


 

Published in Green e flower
Pagina 1 di 2

Garden Zanet

Azienda Agricola "FLOROVIVAISTICA"
F.lli ZANET di Zanet Enzo

P.Iva 01648660031
Reg. Imp. No 1252/98

Via Valsesia n°8 28077 Prato Sesia (NO)
T 0163.85.20.11
F 0163.85.29.42

Orari

Orari di Apertura
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00
Tutti i giorni, festivi compresi

Mesi di luglio e agosto, domenica 
Dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 

Giorni di Chiusura
Pasqua - Ferragosto - Natale - S.Stefano - 1° gennaio

 x 
Carrello - 0,00 €

  • Carrello vuoto